Progetti

IN DIRETTA DALLA RISERVA DI CORNINO

Vuoi vedere le immagini in diretta dalla Riserva?

(se non vedi subito l’immagine pazienta qualche istante, attendi che si carichi!)

Netcam 

Obiettivi

Fin da quando gestivamo la Casa delle Farfalle di Bordano abbiamo partecipato e organizzato campagne di sensibilizzazione al rispetto delle realtà naturali. Siamo inoltre stati partner di progetti di conservazione di specie minacciate e ambienti vulnerabili.

Abbiamo collaborato infine con il Corpo Forestale dello Stato nucleo CITES, dando supporto tecnico e la prima accoglienza agli animali provenienti da sequestri.

Ora con la Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino vogliamo mantenere ed ampliare i progetti già intrapresi e vogliamo lavorare anche a molti altri!


Campagne di Sensibilizzazione, Educazione ambientale e Conservazione

 

Il progetto di conservazione del Grifone a Forgaria nel Friuli.

 Il Progetto di conservazione del Grifone, iniziato alla fine degli anni ’80 sulle Prealpi friulane, ha lo scopo di contrastare il declino degli avvoltoi sulle Alpi e nell’area  adriatica, intervenendo con aiuti alimentari e cercando di favorire la formazione di nuove colonie. Per raggiungere questo obiettivo è stato realizzato un punto di alimentazione e sono stati liberati 75 grifoni. Gli uccelli vengono marcati con anelli colorati e alcuni dotati di trasmittenti che consentono di seguirne gli spostamenti a notevole distanza. Le tecniche e le strategie utilizzate sono del tutto originali trattandosi del primo progetto di questo tipo in Italia. Attualmente la colonia conta circa 150 grifoni nel periodo invernale e oltre 200 in quello primaverile-estivo, quando numerosi individui arrivano dalla Croazia e anche da altri Paesi quali Francia, Spagna, Bulgaria, Serbia, etc. Circa 30 coppie nidificano nella media Valle del Tagliamento. Il progetto è finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ed è gestito dai Comuni di Forgaria nel Friuli e Trasaghis.

L’iniziativa ha una notevole importanza non solo dal punto di vista naturalistico e scientifico, ma anche per quanto riguarda la divulgazione ed il turismo naturalistico, consentendo ad un pubblico in continuo aumento di conoscere le caratteristiche e le problematiche ecologiche non solo del grifone ma anche delle altre specie di rapaci. L’area è molto interessante per il birdwatching, poiché risulta frequentata da numerose specie e si trova su una rotta migratoria particolarmente frequentata nel periodo primaverile ed autunnale.

Progetto “Osservati speciali“

Nel corso del 2013 sono state installate presso la Riserva, con il prezioso il contributo di alcune strutture zoologiche associate all’UIZA,  moderne attrezzature per la ricerca e il monitoraggio di questi magnifici avvoltoi. A supporto del lavoro di ricerca e studio dei tecnici e degli esperti della Riserva, sono state installate per il monitoraggio del punto di alimentazione dei grifoni, due telecamere ad alta definizione, attive 24 ore su 24 ore. Una di esse è visibile al pubblico dal sito della riserva.

 Per vedere in diretta il carnaio clicca qui!

Sabato 25 maggio 2013, esperti, tecnici, ornitologi, pubblica amministrazione, associazioni internazionali, strutture zoologiche italiane ed europee a Forgaria del Friuli, hanno fatto il punto sull’osservato speciale, il grifone, che con un suo colpo d’ala, collega l’Europa dai Pirenei all’Austria, dall’Abruzzo alla Sardegna, fino all’Africa.

Questo importante risultato è stato raggiunto grazie al prezioso sostegno e al contributo finanziario di alcune strutture zoologiche italiane aderenti all’UIZA (Unione Italiana Giardini Zoologici e Acquari). La Uiza e il Parco Natura Viva di Bussolengo finanziano inoltre radio satellitari che forniscono preziossime informazioni sugli spostamenti degli animali.

Giornata internazionale degli avvoltoi

Ogni anno Il primo sabato di Settembre viene organizzato in tutto il mondo il “Vulture Awareness Day”, la giornata internazionale di informazione e sensibilizzazione per gli avvoltoi.  Gli avvoltoi sono un gruppo di uccelli che svolgono un importante ruolo ecologico e forniscono numerosi servizi ecosistemici. Fino a pochi anni fa erano molto comuni, con un totale di 23 specie, in Africa, Asia, Europa meridionale e americhe. Recenti problematiche e minacce legate alle attività umane hanno messo a rischio la maggioranza delle specie che stanno rapidamente scomparendo da aree sempre più vaste. Tra i principali problemi si ricorda i veleni, le trasformazioni ambientali, il bracconaggio, collisione ed elettrocuzione, farmaci ad elevata tossicità utilizzati per il bestiame domestico, saturnismo e varie forme di disturbo.

 La giornata internazionale di sensibilizzazione per gli avvoltoi è stata ideata dal Birds of Prey Programme del Sud Africa e dal Hawk Conservancy Trust dell’Inghilterra, che hanno deciso di cooperare ed espandere l’iniziativa a livello internazionale. Lo scopo è quello di incrementare gli sforzi per la conservazione di queste meravigliose specie e far conoscere il loro importante ruolo ecologico. Questi giganti alati, che da sempre accompagnano l’uomo nella sua storia ed evoluzione, rischiano di scomparire per sempre e necessitano di adeguati progetti ed azioni di tutela.

 Partecipate alle nostre iniziative nella Riserva naturale e contribuite anche voi a salvare questi stupendi uccelli.

Fulvio Genero, Luca Sicuro, Cesare Avesani e Martin

Grifoni seguiti via radio

Nell’ambito della collaborazione della Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino con il Parco Nazionale degli Alti Tauri (LE-geförderten Projektes „Große Greifvögel im Nationalpark Hohe Tauern“).Il 4 luglio 2017 sono state applicate 5 radio satellitari a grifoni immaturi catturati sul punto di alimentazione. Lo scopo è quello di continuare a studiare gli spostamenti di questi uccelli che come è noto si muovono su grandi distanze, frequentando principalmente le colonie di nidificazione del Friuli e della Croazia e le Alpi friulane, slovene e austriache. Le radio satellitari sono state fissate sul dorso degli uccelli utilizzando delle cordicelle elastiche, un sistema largamente sperimentato e che non causa alcun disturbo agli uccelli. Queste radio satellitari sono moderne e leggere, estremamente efficienti e a ricarica solare. Trasmettono la posizione GPS utilizzando la rete GSM e possono fornire fino a 500 localizzazioni al giorno per alcuni anni, fornendo le coordinate e la quota di volo del grifone. Gli spostamenti dei 5 grifoni possono essere seguiti online sul sito della Riserva Naturale. Le cartine evidenziano il territorio e le traiettorie seguite dagli uccelli. Cliccando sui punti che si trovano sui percorsi si ottengono informazioni relative a data e ora alla quale si riferiscono. La mappa si aggiorna automaticamente ogniqualvolta le radio, via SMS, trasmettono nuove informazioni.

Anello verde Data nascita Peso kg Radio      
F75 2015 7 PNHT      
             
             

 

 

 

 

Alien, le specie invasive del Friuli Venezia Giulia

Obiettivo della Campagna, informare e sensibilizzare i visitatori tramite attività, laboratori, pannelli e cartellonistica, sull’importante tema delle specie animali/vegetali aliene invasive, problematica sollevata a livello internazionale anche dall’Unione Europea che stima in circa 10.000 le specie aliene presenti nel nostro continente.

Da un recente documento dell’Agenzia Europea per l’Ambiente risulta che il 15% di tali specie abbia un impatto negativo provocando non solo danni agli ecosistemi e alle specie originarie ma anche all’economia e alla salute della popolazione umana.

Per aliene s’intendono tutte quelle specie che vengono introdotte accidentalmente o volontariamente in un ambiente diverso da quello di origine. Il problema nasce nel momento in cui i nuovi arrivati si trovano talmente bene e si riproducono con tale facilità da minacciare la sopravvivenza delle specie autoctone, in alcuni casi a tal punto da soppiantarle.